Tanto, piove

27 Settembre 2020
Written by: gzstudio foto

 

Argomento già dibattuto ahimè, ma ancora e sempre ben lontano dalla soluzione. È ormai consuetudine un po’ ovunque che si prendano accordi blandi con chiunque, sia nei rapporti amicali e sia per lavoro. Ma è vero anche che molta gente come me comincia ad averne abbastanza di quelli che ormai vengono definiti procrastinatori seriali. Persone che, lo stesso pomeriggio in cui si è stabilito un appuntamento, ti dicono candidamente: Ti avviso dopo se esco. Quando magari manca appena un’ora al possibile appuntamento. Il che suona spesso come: se non trovo di meglio da fare, vengo. Ed inevitabilmente si finisce per sentirsi alla stregua di un mero ripiego.  

Una mia cara amica, autrice di un interessante blog musicale, descrive questo comportamento alla stregua di una piaga sociale. Vado ai concerti e, non mi si può rispondere così, quando devo prenotare dei biglietti, afferma. Nessun rispetto per il lavoro e soprattutto per il tempo altrui. Per non parlare di coloro che affermano di venire e poi non si presentano, o ancora di coloro che, non vengono e neanche ti avvisano perché “tanto, piove”. 

C’è sempre una scusa valida e incontrovertibile per i procrastinatori seriali: si è fatto tardi, poi mi sono addormentato, sono stanco, ho cambiato idea. Mai che ammettano la colpa: ho trovato un/una tipa divertente, mi hanno invitato a cena, al cinema, a giocare, a vedere la partita e chi più ne ha più ne metta. Trovo che sia totalmente esecrabile tale atteggiamento, sia che si abbia con gli amici e sia nei confronti di impegni lavorativi. La mancanza di serietà e correttezza sono assolutamente imperdonabili. 

È ovvio che l’imprevisto possa capitare sempre e comunque, ma ha tuttavia delle caratteristiche diverse: si presenta una tantum e non è una costante e, soprattutto, il tono di voce di chi lo annuncia è sempre differente da quello del procrastinatore seriale, ha quel marchio di genuinità che manca in questi ultimi.

Ritengo che il miglior metodo per far fronte a tali comportamenti sia quello di cancellare completamente tali personaggi dalla propria agenda. Che se li tengano pure quelli della migliore offerta. 

Corpi estranei
Il primo giorno di vacanza

    Leave a comment